Rispondi a: Contratto a tempo indeterminato

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Contratto a tempo indeterminato Rispondi a: Contratto a tempo indeterminato

#8523
Sindacato-Networkers.itSindacato-Networkers.it
Amministratore del forum

Buongiorno,

secondo le nuove norme del cosiddetto “decreto dignità” la proroga è possibile – entro questo limite e con il consenso del lavoratore – fino a un massimo di quattro volte, indipendentemente dal numero dei rinnovi. Qualora il numero delle proroghe sia superiore, il contratto si trasforma in contratto a tempo indeterminato dalla data di decorrenza della quinta proroga.

La proroga deve riferirsi alla stessa attività lavorativa per la quale il contratto a tempo determinato è stato stipulato e l’indicazione della causale è necessaria solo quando il termine complessivo superi i dodici mesi.

Se dopo la scadenza del termine, il lavoro prosegue di fatto:

– per 30 giorni (se il contratto ha una durata inferiore a 6 mesi);
– per 50 giorni (se il contratto ha una durata maggiore di 6 mesi).

Il datore di lavoro è tenuto a corrispondere al lavoratore una maggiorazione retributiva per ogni giorno di continuazione del rapporto pari al 20% fino al decimo giorno successivo, al 40% per ciascun giorno ulteriore.

Cosa succede se, invece, il rapporto di lavoro oltrepassa questo periodo “cuscinetto” di 30 o 50 giorni? Il contratto si considera trasformato da tempo determinato a tempo indeterminato a far data da tale sconfinamento.

Raggiunti i 24 mesi consentiti, il datore di lavoro e il lavoratore possono decidere di stipulare un ulteriore rapporto di lavoro a termine della durata massima di 12 mesi.

Tale nuovo contratto di lavoro dovrà però essere sottoscritto in regime di “deroga assistita” presso la sede territorialmente competente dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro.

In conclusione, come può leggere è difficile dare ora una risposta definitiva alla sua domanda.

Dipenderà molto da cosa e come vorrà fare il suo datore di lavoro.

Torni a contattarci per ulteriore supporto. Oppure, prenda contatto con i colleghi della UILTuCS della città dove lavora.

Trova i contatti utili cliccando sulla mappa blu dell’Italia presente su questa pagina.

Cordialmente,

Mario