Assegnazione premio una tantum discriminatoria

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Leggi-CCNL-Sentenze Assegnazione premio una tantum discriminatoria

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  organizzatore 1 settimana fa.

  • Autore
    Articoli
  • #7567
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Buongiorno,

    dispiace leggere il suo racconto dei fatti che sono avvenuti nella sua azienda.

    Da un mio approfondimento, ho letto che con l’ultimo rinnovo del Ccnl metalmeccanici è previsto un premio una tantum, da riproporzionare in base alla data di assunzione.

    Quindi, se il premio una tantum cui fa riferimento lei è quello che ho scritto sopra, lei ne ha diritto da contratto collettivo nazionale.

    Se non fosse così, sarebbe utile capire se l’una tantum ricevuto dai suoi colleghi è previsto dal contratto individuale, se è previsto per l’intero gruppo di lavoro, e anche se la data di accesso al gruppo di lavoro possa determinare o meno l’erogazione dell’una tantum a livello individuale.

    Per capire comunque se ci sono state discriminazioni nei suoi confronti, il mio consiglio è di rivolgersi a un rappresentante sindacale aziendale, se presente, o rivolgersi alla Uilm della città dove lavora.

    Di seguito, trova i contatti territoriali: http://www.uilmnazionale.it/chi-siamo/contatti-territoriali/

    Saluti,

    Mario

    • #7568

      organizzatore
      Partecipante

      Buoingiorno Mario, ti ringrazio per la risposta.

      Il premio una tantum a cui mi riferisco è una semplice gratifica non regolamentata da alcun tipo di contratto.

      Seguirò il tuo consiglio di rivolgermi ad un rappresentante sindacale. Grazie

  • #7565

    organizzatore
    Partecipante

    Buongiorno,

    ho un contratto a tempo indeterminato basato sul CCNL metalmeccanici grande industria.

    Il gruppo di lavoro in cui mi trovo è costituito da 7 persone. Per vie traverse sono venuto a sapere che delle 7 persone del gruppo di lavoro tutte hanno ricevuto un premio produzione (parlo di un premio una tantum , non di quello previsto dal contratto integrativo) tranne me, a cui è stata tenuta nascosta anche l’informazione. Ho le prove per dimostrare di aver contribuito in maniera determinante al raggiungimento degli obiettivi di tutto il gruppo di lavoro.

    Aver scoperto di essere stato escluso soltanto io ed essendo venuto a conoscenza solo dietro confidenza di quanto avvenuto ha determinato in me un senso di ingiustizia e di discriminazione, oltre che uno stato d’ansia e di nervosismo che stanno influendo negativamente sulla mia salute.

    Ho provato a chiedere spiegazioni ai miei diretti responsabili ma ho ottenuto risposte poco credibili volte a coprire il comportamento scorretto.

    In base a quanto raccontato vorrei dei consigli su come affrontare il problema e soprattutto sapere se ci sono delle serie possibilità di ottenere giustizia per la discriminazione ed il torto subito.

    Vi saluto cordialmente e attendo una vostra cortese risposta

     

    • Questo argomento è stato modificato 1 settimana fa da  organizzatore.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.