Contratto non rinnovato (causa ingiusta)

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Licenziamenti Contratto non rinnovato (causa ingiusta)

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Sindacato-Networkers.it Sindacato-Networkers.it 2 mesi, 2 settimane fa.

  • Autore
    Articoli
  • #7273
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Buongiorno,

    sì, in effetti sarebbe stato meglio restare a casa in malattia o infortunio.

    Anche il ragionamento sulla paura di possibili problemi dei datori di lavoro può starci, purtroppo. E’ molto probabile che sia stata la causa scatenante per il mancato rinnovo.

    Consideri tra l’altro che le novità del Decreto Dignità, soprattutto sui rinnovi di contratto, sono ancora un po’ incerte e a fine ottobre c’è il termine del periodo di transizione dal Jobs Act al Decreto Dignità.

    Questo probabilmente ha dato un ulteriore incentivo all’azienda sul mancato rinnovo del suo contratto.

    Anche quello che le ha detto l’agenzia è probabilmente dettato da un possibile colloquio tra quest’ultima e l’azienda dove ha lavorato e, a conti fatti, hanno preferito terminare il rapporto.

    Infine, il Decreto Dignità è stato varato dal governo da pochissimo e ha già modificato alcuni aspetti dei contratti di somministrazione.

    Quindi, credo, salvo novità (d’altronde, in politica tutto è possibile) anche di tipo giurisprudenziale, non ci saranno grossi miglioramenti della norma.

    In bocca al lupo per il suo futuro!

    Cordialmente,

    Mario

  • #7271

    alessiococchi
    Partecipante

    Salve Mario.

    Sul contratto c’è scritto quando scade infatti termina domenica 30 e mi hanno dato il 27 e 28 come ferie. Non ero in infortunio. Tuttavia non è stato apprezzato il fatto che sono andato a lavorare. Ho sentito dei sindacalisti che mi hanno detto che dovevo rivolgermi al medico competente.  Non dovevo dare il mio referto per la privacy. In piu TUTTI i datori di lavoro se vedono una persona con le stampelle NON la rinnovano automaticamente perche hanno paura che possa dare dei problemi.  Dal mio punto di vista non è cosi, perche ora cammino anche se non posso guidare. Secondo me è una discriminazione non rinnoverare persone volenterose che fanno il proprio dovere. Bisognerebbe proporre una legge per tutelare le persone in queste condizioni. Comunque lei che ne pensa?

  • #7270
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Buongiorno,

    mi faccia capire meglio una cosa: ha avuto un contratto di somministrazione con 4 proroghe, giusto?

    Per quanto riguarda la somministrazione, il termine del contratto è senza effetti se non risulta da un atto scritto, una copia del quale deve essere consegnata dal datore di lavoro al lavoratore entro 5 giorni lavorativi dall’inizio della prestazione. In ogni caso, per quanto riguarda i lavoratori somministrati, questo è un adempimento che deve curare l’Agenzia per il lavoro.

    Per il resto delle domande, dato che c’era un infortunio in corso e la situazione letta così mi risulta poco chiara per poterla valutare correttamente, le consiglio di rivolgersi a un ufficio sindacale di categoria che potrà supportarla in loco.

    Nella lettera di assunzione trova il Ccnl che le applicavano, così da avere il riferimento per l’organizzazione sindacale cui rivolgersi.

    Saluti,

    Mario

  • #7267

    alessiococchi
    Partecipante

    Buongiorno a tutto il forum! Io ho avuto un rapporto di lavoro di 4 mesi (giugno – settembre 2018) presso una azienda che si occupa di documentazione tecnica e ho sempre svolto il lavoro da seduto davanti al pc. Ero in somministrazione tramite agenzia interinale e mi hanno fatto le prime 2 settimane di giugno, poi le altre 2 di fine mese, poi hanno rinnovato tutto luglio e poi 2 mesi cioe agosto e settembre. Ad agosto poco prima di 10 giorni di ferie mi è venuta una tendinite ai piedi e non riuscivo piu a camminare e guidare. Di conseguenza ho fatto 10 giorni di ferie e in piu una settimana che mi ha dato l’azienda (totale 19 giorni). Dopo questo periodo di riposo sono rientrato a lavorare in stampelle e mi facevo accompagnare in macchina. Le stampelle le ho tenute per 3 settimane e sono tornato a camminare senza. Ho fatto una visita specialistica da un ortopedico che mi ha fatto fare la tecarterapia e ultrasuoni e un nuovo plantare. In piu l’azienda e l’agenzia interinale mi hanno chiesto il referto che io gli ho dato in buona fede. Il 26 settembre l’azienda mi ha comunicato che il contratto non sarà rinnovato perche non sono una persona autonoma nel lavoro (inteso a capire cosa mi spiegano, ma io chiedo piu volte perche capire e non voglio sbagliare, è un lavoro complesso oltretutto e che non hanno tempo per starmi dietro) e mi hanno lasciato a casa il 27 e 28 come ferie ed è finito tutto. L’agenzia interinale invece ha detto che non hanno lavoro e non mi hanno rinnovato.
    1) Di lavoro ne hanno a volontà (visto e confermato dai colleghi)
    2) L’ultimo giorno hanno assunto un nuovo ragazzo
    3) La causa del non rinnovo potrebbe essere dovuta a questa tendinite? Riesco a camminare ma non a guidare e quindi mi hanno sempre accompagnato.
    4) Ho fatto male a dare il referto in azienda e in agenzia? Sono andato a lavorare in stampelle anziche stare in malattia e questo sembra non essere stato apprezzato. C’è chi dice che ho sbagliato da ingenuo agendo in buona fede.
    Da quando sono tornato dalle ferie mi hanno guardato come se avessi combinato chissa che danno.
    5) A fine anno l’azienda si trasferisce. Di conseguenza si spostano da 20 km da casa mia a 40 km.
    Date un vostro parere e cosa posso fare per evitare una cosa del genere in futuro. Grazie.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.