Deliveroo, Barcellona condanna l'azienda a reintegrare 9 rider. La sentenza

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Gig Economy Deliveroo, Barcellona condanna l'azienda a reintegrare 9 rider. La sentenza

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da Redazione Redazione 2 mesi fa.

  • Autore
    Articoli
  • #8205
    Redazione
    Redazione
    Amministratore del forum

    Il tribunale del lavoro di Barcellona l’11 giugno 2019 ha condannato Deliveroo alla reintegrazione di nove riders e al pagamento di un totale di 56mila euro dopo la violazione dei diritti fondamentali e il conseguente licenziamento.

    La somma è relativa ai salari che avrebbero dovuto ricevere dalla disattivazione dell’account nel 2017, più le ferie.

    Il giudice ha ordinato a Deliveroo di pagare ai nove fattorini ricorrenti un totale di 6.251 euro a testa per la violazione di diritti fondamentali, in particolare il diritto di organizzarsi, più delle somme che vanno da 123 € a 628 € per la liquidazione delle ferie.

    Il tribunale ha dichiarato i licenziamenti nulli e non validi con effetto a partire dalla fine di giugno 2017, in due casi, e dall’8 agosto 2017, nei restanti sette.

    Alcuni di questi rider hanno partecipato alle proteste nei confronti di Deliveroo. In alcuni casi, l’azienda si è giustificata per i licenziamenti accusando i fattorini di ubriachezza o di propaganda critica contro Deliveroo. La Corte ha considerato insufficienti le accuse per giustificare il licenziamento.

    Il giudice spagnolo ha sottolineato che, tra le altre cose, il processo di assegnazione degli slot di prenotazione o delle consegne dimostra che Deliveroo organizza concretamente il lavoro dei fattorini e che le decisioni aziendali impattano sulla loro condizione, incluso il loro pagamento.

    Leggi la sentenza su Deliveroo del tribunale di Barcellona (in spagnolo)

    Sei un rider per un’azienda del food delivery? Vuoi far valere i tuoi diritti? Contattaci ora.

    Foto: Shutterstock

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.