Dimissioni con contratto a tempo determinato

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Dimissioni con contratto a tempo determinato

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Sindacato-Networkers.it Sindacato-Networkers.it 5 mesi fa.

  • Autore
    Articoli
  • #6638
    rockstepp
    rockstepp
    Partecipante

    Buongiorno Mario,
    <p style=”text-align: left;”>Ccnl telecomunicazioni 5 livello</p>
    Mansione: Network Operations

     

    • #6651
      Sindacato-Networkers.it
      Sindacato-Networkers.it
      Amministratore del forum

      Buonasera Rockstepp,

      considerando l’articolo 50 del suo ccnl che prevede solo le dimissioni per il contratto a tempo indeterminato, il comma 3 prevede che la parte che risolve il rapporto senza l’osservanza dei predetti termini di preavviso deve corrispondere all altra un indennità pari all importo della retribuzione per il periodo di mancato preavviso.

      Quindi, credo che valga anche per lei questa condizione. In ultima istanza, se vuole andare via dall’azienda, le consiglio di attendere la scadenza del contratto, così da poter percepire anche l’indennità di disoccupazione (Naspi), qualora non dovessero rinnovarle il contratto.

      Tuttavia, le consiglio di sentire i colleghi della UILCOM per avere una risposta definitiva.

      Cordialmente,

      Mario

  • #6633
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Buongiorno Rockstepp,

    se mi scrive quale ccnl le applicano, forse posso essere più preciso e darle una mano.

    Lo trova scritto nella lettera di assunzione e sul modello Unilav.

    Cordiali saluti,

    Mario

  • #6627
    rockstepp
    rockstepp
    Partecipante

    Buonasera a tutti,

    Con mio profondo rammarico ho scoperto che con un contratto a tempo determinato il lavoratore non è libero di dimettersi dando il preavviso previsto dal ccnl.

     

    Leggo anche che in caso di recesso anticipato da parte del lavoratore, questo può vedersi costretto a risarcire il datore di lavoro per il danno causatogli da questa azione.

    Ritengo sia corretto che vi sia un risarcimento, ma anche che questo sia giustamente ponderato.

    Esaminando la mia situazione, premesso che:

    Sono l’ultimo arrivato, da circa un mese, in un team di altre 4 persone, con un’anzianità di almeno un anno in azienda.

    Non sono stato inquadrato con una mansione specialistica o come dirigente.

    Credo che l’azienda potrebbe facilmente sostituirmi in meno di un mese.

    Un ragionevole preavviso, magari lo stesso che sarei tenuto a dare in caso di contratto a tempo indeterminato, basterebbe a mettermi al riparo da situazioni spiacevoli?

    Grazie mille.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.