Dimissioni (giusta causa?)

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Licenziamenti Dimissioni (giusta causa?)

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Sindacato-Networkers.it Sindacato-Networkers.it 5 mesi, 2 settimane fa.

  • Autore
    Articoli
  • #6610
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Salve burnout,

    mi scuso per ritardo e spero di esserle ancora utile; si, lei puo presentare le dimissioni per giusta causa ma il suo datore di lavoro, può negare l’esistenza di una giusta causa alla base del suo recesso e rifiutarsi perciò di pagarle l’indennità sostitutiva del preavviso.

    La giusta causa viene ravvisata dai giudici in:  gravi inadempienze contrattuali e/o mancati pagamenti della retribuzione, comportamento ingiurioso da parte del datore di lavoro, mobbing  ecc. il lavoratore deve dimostrare in tribunale alcuni dei fatti di cui sopra.

    Da quanto lei scrive ritengo ci siano alcune cose non corrette; le consiglio di rivolgersi ad una struttura sindacale che la può supportare in questo frangente e può richiedere in fase di trattativa (a suo nome) arretrati per ore lavorate non retribuite, mancata indennità di reperibilità, inquadramento contrattuale non corretto, norme di sicurezza non adeguate ecc.

    Noi siamo della Uil, ci dica dove risiede potremmo indirizzarla ad un ns. ufficio nella sua città.

    Saluti, Gioia

  • #6603

    burnout
    Partecipante

    Buonasera,

    ho intenzione di dare le dimissioni dal luogo dove lavoro attualmente per diversi motivi, e volevo sapere se c’è la possibilità che venga riconosciuta anche la giusta causa.

    Sono assunto con contratto a tempo indeterminato, da 4 anni (+ 1 anno precedentemente a tempo determinato), con CCNL delle cooperative sociali, livello C1, part time.

    Le motivazioni che mi portano alle dimissioni sono le seguenti:

    – in 5 anni ho potuto prendere solo 2 giorni di malattia perché non c’è mai nessuno disponibile a sostituirmi (sul posto di lavoro è presente un solo lavoratore per turno), e sono sempre andato al lavoro in qualsiasi condizione psicofisica;

    – il CCNL non prevede straordinari bensì la banca ore: accumulo diverse ore lavorando più del dovuto, ma non posso mai “smaltirle” per lo stesso motivo di cui sopra (=mancanza di personale per sostituzione);

    – i responsabili mi hanno piazzato a fare tutte le mansioni possibili immaginabili, da interventi agli impianti a manutenzioni varie, al lavoro con la clientela ai colloqui con i candidati per le posizioni aperte, tutto da fare spesso contemporaneamente;

    – i nuovi arrivati (a cui faccio i colloqui) fanno poi sempre e solo riferimento a me, e sono costretto a risolvere i loro problemi quando mi telefonano di notte, o nel mio unico giorno libero, praticamente sempre quando c’è necessità, perché i miei datori di lavoro non sanno come agire e risolvere diverse problematiche che si presentano continuamente. Ciò è causato dal loro totale disinteresse nei confronti della struttura in cui lavoro;

    Ci sarebbe anche un problema di sicurezza, nel senso che parte della clientela che abbiamo è dedita all’uso di stupefacenti, non solo droghe leggere ma anche pesanti, e viene sempre chiesto, a me e ai miei colleghi, di risolvere certe situazioni autonomamente, nonostante gli evidenti pericoli. Abbiamo inoltre chiesto più volte l’installazione di telecamere ma è da anni che viene rimandata.

    Non mi sento più di lavorare a condizioni simili e ho intenzione di dare le dimissioni a prescindere, volevo solo sapere se c’è anche la possibilità di ottenere la giusta causa.
    Grazie

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.