Dubbi licenziamento in accordo

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Licenziamenti Dubbi licenziamento in accordo

Visualizzazione 1 filone di risposte
  • Autore
    Post
    • #9407
      Avatarpennybaffo_
      Partecipante

       

      Buongiorno,
      Io ho un contratto a tempo indeterminato (iniziato con tre anni di apprendistato il 01.08.2016) e l’azienda, dato il calo di lavoro e l’esubero di personale, mi ha proposto di trovare un accordo per il quale mi licenzierebbero e “in cambio” mi darebbero qualche mensilità ed io avrei diritto a percepire la Naspi.
      Avrei dei dubbi:
      1) il licenziamento per giusta causa, “macchierebbe” in qualche modo il mio curriculum per eventuali nuove assunzioni?

      2) il fatto che io venga licenziata per giusta causa, mi dà comunque diritto all’ indennità di disoccupazione Naspi?

      3) di quante mensilità Naspi avrei diritto?

      4) c’è un minimo o massimo di mensilità che potrei richiedere all’azienda per conciliare l’accordo?

      5) avrei comunque diritto al mio TFR?

      Mi scuso per le esaustive domande, ringrazio in anticipo se potrete rispondermi e rimango disponibile per ulteriori chiarimenti.

      Buona giornata

      • #9413
        Sindacato-Networkers.itSindacato-Networkers.it
        Amministratore del forum

        Buongiorno,

        prima di rispondere punto per punto alle sue domande, le premetto che il tipo di licenziamento che dovrebbe mettere in atto il suo datore è il licenziamento per giustificato motivo oggettivo (economico), non per giusta causa.

        Inoltre, i recenti decreti del governo a tutela dell’occupazione prevedono il blocco dei licenziamenti e forme di sostegno al reddito. Per i suddetti motivi le consiglierei in primis di contattare i colleghi del sindacato di categoria presenti nella città/provincia dove lavora.

        Detto questo, provo a darle qualche indicazione sulle sue domande:

        1) No, non macchierebbe se definito come scritto sopra un licenziamento per motivi economici dell’azienda;

        2) Nel caso di conciliazione in sede protetta (sindacale o alla Direzione territoriale del lavoro) è prevista ugualmente la Naspi. E’ una delle eccezioni allo stato involontario di disoccupazione previsto per ottenere l’indennità. Ma va fatta la conciliazione al posto del licenziamento;

        3) La Naspi dura la metà delle settimane di contribuzione negli ultimi 4 anni per un massimo di 24 mesi.

        4) Difficile dirlo così. Al netto di quanto scritto all’inizio, lei sta trattando per la perdita di un posto di lavoro che sicuramente ha un valore molto alto;

        5) Certo, il Tfr verrà liquidato con le competenze di fine rapporto o in fase conciliativa.

        Spero di essere stato utile. Ribadisco comunque di rivolgersi a una struttura sindacale per farsi assistere al meglio.

        Saluti,

        Mario

    • #9408
      Avatarpennybaffo_
      Partecipante

      <p style=”text-align: center;”></p>
      Buongiorno,
      Io ho un contratto a tempo indeterminato (iniziato con tre anni di apprendistato il 01.08.2016) e l’azienda, dato il calo di lavoro e l’esubero di personale, mi ha proposto di trovare un accordo per il quale mi licenzierebbero e “in cambio” mi darebbero qualche mensilità ed io avrei diritto a percepire la Naspi.
      Avrei dei dubbi:
      1) il licenziamento per giusta causa, “macchierebbe” in qualche modo il mio curriculum per eventuali nuove assunzioni?

      2) il fatto che io venga licenziata per giusta causa, mi dà comunque diritto all’ indennità di disoccupazione Naspi?

      3) di quante mensilità Naspi avrei diritto?

      4) c’è un minimo o massimo di mensilità che potrei richiedere all’azienda per conciliare l’accordo?

      5) avrei comunque diritto al mio TFR?

      Mi scuso per le esaustive domande, ringrazio in anticipo se potrete rispondermi e rimango disponibile per ulteriori chiarimenti.

      Buona giornata

Visualizzazione 1 filone di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.