7 Febbraio 2023

W3Schools

ferie forzate – Coronavirus

Home Diritti del lavoro Ferie ferie forzate – Coronavirus

Visualizzazione 4 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #9173
      Sindacato-Networkers.it
      Amministratore del forum

        Salve Francesca82,

        no, il suo datore di lavoro non ha il diritto di farle consumare delle ferie non ancora maturate. Può farla accedere alla Cassa Integrazione in deroga per i periodi che la terrà a casa e lei percepirà la quota di Cassa dall’inps.

        Dovrebbe dirci il CCNL applicato, (Ospedalieri, RSA, Case di Riposo ecc), potremmo indirizzarla ad un ufficio sindacale che potrebbe aiutarla in questa situazione.

        Noi siamo della Uil, ci dica dove risiede e il contratto applicato, potremmo farla seguire in loco.

        Saluti, Gioia

        • #9177
          Francesca82
          Partecipante

            Il mio contratto è  CCNL socio sanitario – cooperative socio sanitarie.

            Nessuno di noi è  stato messo in cassa integrazione.. potrebbero avvalersi del decreto n 9/2020 comma 19..oppure regola solo dipendenti di pubblica amministrazione ?

            Sinceramente non sappiamo più cosa fare e alla nostra richiesta del motivo per cui  ci mettono in ferie rispondono col DPCM  del presidente Conte..

            Grazie

            • #9178
              Sindacato-Networkers.it
              Amministratore del forum

                Buongiorno,

                sì, la cassa in deroga è prevista anche per i lavoratori dei settori privati.

                Se mi scrive la città dove lavora, le indico un nostro ufficio più vicino a lei.

                Altrimenti può trovarlo cliccando sulla mappa blu dell’Italia che trova in questa pagina.

                Saluti,

                Mario

          • #9169
            Francesca82
            Partecipante

              Buongiorno io lavoro come  assistente amministrativo per conto di una cooperativa sociale presso un reparto ospedaliero.. dovrei avere c.ca 26/28 gg di ferie l anno  (ho un ccnl  per 30 ore settimana ripartite in 5 giorni)  dall inizio del corona virus son stata messa in ferie  x 3 settimane .. alla 3 settimana non consecutiva mi son lamentata delle ferie e il.mio responsabile riferisce che è  fatto  causa DPCM x il virus..  ora mi ritrovo ad avere un turno dove vengo messa in ferie per altri 8 giorni..ma io vorrei sapere..il datore d lavoro decide metà  delle ferie del lavoratore  e l’ altra metà la decide  il lavoratore.. e questo per legge.. o può  deciderle tutte e il lavoratore deve solo che tacere?  Io mi ritrovo ad aver usufruito di ferie ancora non maturate  e a passare tutta l estate  lavorando senza godermi il.mio meritato riposo quando mi serve??

              Vi ringrazio spero possiate darmi delucidazioni in merito

              • Questa risposta è stata modificata 2 anni, 9 mesi fa da Francesca82.
            • #9130
              meta
              Partecipante

                Grazie per la risposta.

                Non mi hanno chiesto il consenso, hanno semplicemente comunicato la loro decisione. In questo caso chi tace acconsente?

                • #9131
                  Sindacato-Networkers.it
                  Amministratore del forum

                    Buongiorno,

                    in generale, è il datore di lavoro che mette l’ultima parola sull’uso delle ferie ai propri dipendenti ma è previsto prima che ascolti le richieste dei lavoratori.

                    Poi ci sono prassi e consuetudini organizzative che a volte vanno in un senso o nell’altro.

                    Quindi non mi sentirei di dire che ci tace acconsente. Piuttosto chiederei lumi al datore di lavoro per cercare di capire quali strumenti alternativi alle ferie (non ancora maturate) possa usare.

                    Rinnovo comunque l’invito a contattare i colleghi metalmeccanici per avere un supporto più preciso e sul luogo.

                    Saluti,

                    Mario

                     

                • #9123
                  Sindacato-Networkers.it
                  Amministratore del forum

                    Buongiorno,

                    col suo consenso si può fare.

                    Tuttavia, in questo modo perdono le ferie future ma avranno comunque diritto alla retribuzione piena.

                    E’ anche vero che l’azienda potrebbe attivare la cassa integrazione per evitare queste situazioni.

                    Provi a sentire i colleghi della Uilm per un approfondimento e magari provare a trovare delle soluzioni. Di seguito il link agli uffici territoriali: https://www.uilmnazionale.it/chi-siamo/contatti-territoriali/

                    Saluti,

                    Mario

                  • #9121
                    meta
                    Partecipante

                      Buongiorno,

                      lavoro in un’azienda metalmeccanica con contratto a tempo indeterminato. La nostra azienda in questo periodo difficile ha deciso di anticipare dei giorni di ferie (non ancora maturate) per chi non ha più ferie residue, per non dover ricorrere alla cassa integrazione. E’ lecito?

                       

                       

                       

                  Visualizzazione 4 filoni di risposte
                  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.