21 Ottobre 2020

W3Schools

Ferie obbligate

Home Diritti del lavoro Ferie Ferie obbligate

Visualizzazione 4 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #9509
      AvatarGbv
      Partecipante

      Salve, mi riaggancio al thread “Ferie forzate” per esporre la mia situazione, che comunque non si discosta molto dal caso già esposto.

      Lavoro come impiegato dal Luglio 2017 in una fabbrica che produce plastica col contratto dei metalmeccanici artigiani.
      In seguito all’emergenza COVID-19, sono stato in CIG dal 25 marzo (week 13) fino al 24 luglio (week 30), per un totale di 18 settimane e fin qui tutto ok. Venerdì 24 luglio mi telefona la responsabile del personale e mi dice che dal 27 luglio fino al 21 agosto sono in ferie “forzate”, e qui comincia la mia perplessità, voglio dire: giunti a questo punto, può il datore di lavoro obbligarti ad usufruire obbligatoriamente delle ferie, senza il consenso esplicito (nessun modulo di richiesta ferie firmato) del soggetto interessato?!?!?
      Tenga presente che il mio attuale residuo ferie+rol+par maturati arriva a malapena a 40 ore, e a fronte delle 160 richieste, mi troverei in negativo di 120! Per cui in poche parole mi si obbliga ad utilizzare delle ferie che non ho ancora maturato. Possibile?!?!?
      Tengo a far presente che le settimane di chiusura saranno le 2 centrali di agosto.
      Grazie dell’attenzione.

      Gabriele

      • #9517
        Sindacato-Networkers.itSindacato-Networkers.it
        Amministratore del forum

        Buongiorno,

        sicuramente è una forzatura da parte del suo datore di lavoro.

        Tuttavia, in attesa di un nuovo decreto che prolungherà – salvo novità – la cig fino a fine anno, può essere messo in ferie.

        Le consiglio comunque di prendere contatti con i colleghi del sindacato Uilm presente nella sua città/provincia, così da valutare bene il contesto aziendale.

        Saluti,

        Mario

        • #9528
          AvatarGbv
          Partecipante

          Grazie della risposta, è esattamente quello che ho fatto oggi.

    • #9508
      AvatarGbv
      Partecipante

      Salve, mi riaggancio al thread “Ferie forzate” per esporre la mia situazione, che comunque non si discosta molto dal caso già esposto.

      Lavoro come impiegato dal Luglio 2017 in una fabbrica che produce plastica col contratto dei metalmeccanici artigiani.
      In seguito all’emergenza COVID-19, sono stato in CIG dal 25 marzo (week 13) fino al 24 luglio (week 30), per un totale di 18 settimane e fin qui tutto ok. Venerdì 24 luglio mi telefona la responsabile del personale e mi dice che dal 27 luglio fino al 21 agosto sono in ferie “forzate”, e qui comincia la mia perplessità, voglio dire: giunti a questo punto, può il datore di lavoro obbligarti ad usufruire obbligatoriamente delle ferie, senza il consenso esplicito (nessun modulo di richiesta ferie firmato) del soggetto interessato?!?!?
      Tenga presente che il mio attuale residuo ferie+rol+par maturati arriva a malapena a 40 ore, e a fronte delle 160 richieste, mi troverei in negativo di 120! Per cui in poche parole mi si obbliga ad utilizzare delle ferie che non ho ancora maturato. Possibile?!?!?
      Grazie dell’attenzione.

      Gabriele

    • #9510
      AvatarGbv
      Partecipante

      Salve, mi riaggancio al thread “Ferie forzate” per esporre la mia situazione, che comunque non si discosta molto dai vari casi già esposti.

      Lavoro come impiegato a tempo indeterminato dal Luglio 2017 in una fabbrica che produce plastica col contratto dei metalmeccanici artigiani.
      In seguito all’emergenza COVID-19, sono stato in CIG dal 25 marzo (week 13) fino al 24 luglio (week 30), per un totale di 18 settimane e fin qui tutto ok. Venerdì 24 luglio mi telefona la responsabile del personale e mi dice che dal 27 luglio fino al 21 agosto sono in ferie “forzate”, e qui comincia la mia perplessità, voglio dire: giunti a questo punto, può il datore di lavoro obbligarti ad usufruire obbligatoriamente delle ferie, sebbene  il totale delle ore maturate è insufficiente a coprire l’intero periodo?!?!?
      Tenga presente che il mio attuale residuo ferie+rol+par maturati arriva a malapena a 40 ore, e a fronte delle 160 richieste, mi troverei in negativo di 120 ore circa! Per cui in poche parole mi si obbliga ad utilizzare delle ferie che non ho ancora maturato. Possibile?!?!?
      Tengo a far presente che le settimane di chiusura saranno le 2 centrali di agosto.
      Grazie dell’attenzione.

      Gabriele

    • #7971
      Sindacato-Networkers.itSindacato-Networkers.it
      Amministratore del forum

      Salve Stefano Appiani,

      l’art. 148 – Determinazione periodo di ferie,  del CCNL del Terziario prevede:

      compatibilmente con le esigenze del lavoratore e del datore di lavoro, è in facoltà dello stesso (datore di lavoro) stabilire il periodo di ferie. Le ferie debbono comunque essere godute nel periodo che và da maggio ad ottobre  di ogni anno, non possono essere suddivise in non più di due periodi.

      I turni di ferie non potranno avere inizio né nel giorno festivo né nel giorno antecedente la festività (no sabato, no domenica).

      La modifica di quanto sopra detto deve avvenire, previo accordo fra le parti e mediante una programmazione.

      Il contratto di Apprendistato professionalizzante è un contratto a tempo indeterminato legato al percorso formativo, scaduto il quale il datore di lavoro ha la facoltà di recedere dal rapporto di lavoro. Il CCNL Federdistribuzione prevede un minimo del 20% di conferma di lavoratori apprendisti pena, la non possibilità di utilizzare altri lavoratori apprendisti, così come prevede la legge 81/2015 che regola l’Apprendistato.

      Noi siamo della Uiltucs, se crede potrà rivolgersi ad i ns. uffici, che potrebbero assisterla in questo frangente. Ci dica dove risiede potremmo indicarle una ns. sede.

      Saluti, Gioia

       

    • #7963
      AvatarStefano Appiani
      Partecipante

      Salve,
      ho un contratto di apprendistato di 3 anni (macellaio banconiere) e sono alle fine dello stesso (scadenza 15/05).
      Dovendomi corrispondere le ferie residue (molte, 175 ore) in busta a fine contratto, il titolare mi sta “obbligando” a spenderne il più possibile (due settimane di fila), ferie che però a me non interessa fare e che anzi avrei speso volentieri negli anni precedenti in periodi più consoni e con una maggiore organizzazione delle stesse e che invece sono sempre state difficili da ottenere.

      Vi chiedo quindi se questa azione è una cosa legale o meno, come vi comportereste e in ultimo se dopo i 3 anni di apprendistato c’è l’obbligo, in caso di volontà delle parti di proseguire la collaborazione, che il contratto sia a tempo indeterminato.

      Grazie
      Buona giornata

Visualizzazione 4 filoni di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.