Inizii orario lavorativo

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Orario di lavoro Inizii orario lavorativo

Questo argomento contiene 7 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Sindacato-Networkers.it Sindacato-Networkers.it 3 mesi, 1 settimana fa.

  • Autore
    Articoli
  • #8299
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Buongiorno,

    grazie per le ulteriori informazioni.

    A una lettura del decreto legislativo 66 del 2003 (art. 8, comma 3) e le successive circolari del Ministero del lavoro, non si considera lavoro effettivo il tempo impiegato per recarsi a lavoro.

    In aggiunta, anche il Ccnl commercio, all’articolo 118 – ultimo comma, specifica che “non sono considerati come lavoro effettivo il tempo per recarsi al posto di lavoro, i riposi intermedi presi sia all’interno che all’esterno dell’azienda, le soste comprese tra l’inizio e la fine dell’orario di lavoro giornaliero.

    Quindi, per avere condizioni migliori, sarà necessario contrattarle con la sua azienda.

    Consideri tuttavia che ha la copertura delle spese di trasporto e vitto, così come scritto nel precedente post, grazie all’articolo 131 che rimanda all’articolo 167 sulle missioni.

    Certo, c’è da dire che da un lato l’articolo 131 prevede le uscite ma dall’altro si riferisce al luogo di lavoro, cioè “ove egli presta normalmente servizio”. Quindi sarebbe da chiarire questo aspetto perché sembra andare in contrasto.

    In ultimo, le chiedo se lei ha percezione di fare più ore rispetto a quelle che dovrebbe fare. Se sì, quante volte le capita al mese?

    Mi auguro infine che le facciano rispettare almeno gli orari di lavoro e che gli straordinari le vengano pagati regolarmente.

    Se vuole approfondire, può sentire i colleghi della UILTuCS di Bergamo per capire come affrontare al meglio la sua situazione e dei suoi colleghi.

    Di seguito i contatti:

    Via San Bernardino 72/E
    Tel. 035/242122
    Email: bergamo@uiltucs.it

    Spero comunque di essere stato chiaro e di aiuto.

    Resto comunque a disposizione per ulteriore supporto.

    Saluti,

    Mario

  • #8293

    Tony
    Partecipante

    C’e Scritto che la mia sede è presso Bergamo, ma di fatto io parto sempre da casa e la ditta ha sede a Ranica. Che mi rendo disponibile ad eventuali spostamenti in Lombardia, ma faccio solo spostamenti per 99% delle mie ore lavorative, e che il mio orario è 8.30/12.30 13.30/17.30.

     

    Non ho obbligo di timbrare e nessun tipo di controllo

     

    • Questa risposta è stata modificata 3 mesi, 1 settimana fa da  Tony.
  • #8279
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Può dirmi cosa sta scritto nella lettera di assunzione in merito alla sede di lavoro e anche sull’organizzazione dell’orario di lavoro.

    Lei non è soggetto a timbratura del cartellino in azienda? O a qualche altro sistema di controllo degli orari di inizio e fine giornata di lavoro?

    Saluti,

    Mario

  • #8278

    Tony
    Partecipante

    <p style=”text-align: left;”>Ma io non una ‘sede’ io in quanto tecnico ho un numero d’interventi da fare la mattina parto e torno la sera. Mi era sembrato di leggere una volta qualcosa riguardo ai dipendenti ‘itineranti’ o qualcosa del genere. È possibile?</p>

  • #8275
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Buongiorno,

    l’articolo 131 (Decorrenza dell’Orario per i Lavoratori Comandati Fuori Sede) è quello cui fa riferimento il suo datore di lavoro.

    Il testo dell’articolo 131 del Ccnl commercio è il seguente: “Qualora il lavoratore sia comandato per lavoro fuori della sede ove egli presta normalmente servizio, l’orario di lavoro avrà inizio sul posto indicatogli.

    In tale ipotesi, ove gli venga richiesto di rientrare in sede alla fine della giornata lavorativa, il lavoro cesserà tanto tempo prima della fine del normale orario di lavoro, quanto è strettamente necessario al lavoratore – in rapporto alla distanza ed al mezzo di locomozione – per raggiungere la sede.

    Le spese di trasporto, di vitto e di pernottamento saranno rimborsate dal datore di lavoro secondo le norme contenute nell’ultimo comma del successivo articolo 167 (Missioni)”.

    Qualora dovesse riconoscere che ciò che fa il datore di lavoro è in contrasto con questo articolo, le consiglio di sentire i colleghi della UILTuCS della città dove lavora o dove ha la sede la sua azienda.

    Trova i contatti utili cliccando sulla mappa blu dell’Italia presente in questa pagina.

    In alternativa, se mi scrive la città dove lavora, sarò lieto di indicarle i riferimenti utili.

    Resto comunque a disposizione per ulteriore supporto.

    Cordialmente,

    Mario

  • #8270

    Tony
    Partecipante

    Salve,

    avete ragione non ho scritto il contratto, scusate: commercio.

     

    Grazie mille

    scusate ancora

    Tony

    • Questa risposta è stata modificata 3 mesi, 1 settimana fa da  Tony.
  • #8268
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Buongiorno,

    sa dirmi quale Ccnl le applicano? Così possiamo provare a darle una risposta più precisa.

    Saluti,

    Mario

  • #8266

    Tony
    Partecipante

    Salve, mi chiamo Tony,

    sono un tecnico informatico con contratto a tempo indeterminato, il mio lavoro consiste nel fornire assistenza ai clienti presso la loro sede.

    Il mio capo sostiene che, da CCNL il mio orario lavorativo inizia quando mi trovo dal cliente e finisce all’ultimo appuntamento dalla giornata, indifferentemente se il cliente si trova a 10 o 1,30 h da casa mia.

    Secondo la mia esperienza no ma non so bene quale articolo parli di questa determinata situazione.

    Potete aiutarmi?

    Grazie mille

    Tony

     

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.