Rientro dopo congedo parentale

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Rientro dopo congedo parentale

Questo argomento contiene 8 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Sindacato-Networkers.it Sindacato-Networkers.it 2 mesi, 2 settimane fa.

  • Autore
    Articoli
  • #5984

    barbara rocca
    Partecipante

    <p style=”text-align: left;”>Buongiorno, lavoro vicino a Monza. Ho provato a cercare sulla mappa ma il numero indicato mi hanno detto non essere quello giusto per il mio problema. Se le è possibile indicarmi anche un nominativo a cui far riferimento.</p>
    L’inquadramento è coll tech pr. D 0.

     

    Grazie

    • #5985
      Sindacato-Networkers.it
      Sindacato-Networkers.it
      Amministratore del forum

      Buonasera Sig.ra Rocca,

      allora provi a contattare la UIL di Monza.

      Anche se parlando con una mia collega, credo sia la UIL FPL a trattare il suo tipo di CCNL.

      Ecco comunque i contatti:

      Sede Principale:

      Via R. Ardigò, 15 – 20900 Monza (MB)

      Telef: 039 394191
      Fax: 039 380843
      E-mail: cspbrianza@uil.it
      https://www.facebook.com/cstbrianza

      Chiamando il centralino e facendo presente il suo ccnl possono indirizzarla alla categoria corretta.

      Cordialmente,

      Mario

  • #5954

    barbara rocca
    Partecipante

    Buongiorno,

    torno a disturbarla poiché hanno accettato di farmi rientrare però mi hanno proposto di dedicarmi alla segreteria di direzione e collaborare per il servizio qualità di istituto poiché al momento è stata presa in mia sostituzione una consulente (2 giorni a settimana).  Mi hanno anche richiesto di inviare nuovamente il curriculum EMI hanno riferito che la sostituta avrebbe titoli superiori ai miei e che al momento ha dei progetti in corso e per tale motivo non la lasceranno a casa e al contempo non ci sarebbe però lo spazio per un mio reinserimento in reparto. Al momento ho risposto che vorrei pensarci a proposito della mansione nuova, in quanto la mia è una formazione diversa, in passato oltre al mio lavoro mi ero occupata anche del servizio qualità ma ora mi troverei un po’ in difficoltà a svolgere solo quello è lasciar perdere le mie competenze specifiche di reparto. Come mi posso comportare? Eventualmente ci potrebbe essere un servizio a cui potermi rivolgere di persona? Grazie

    • #5966
      Sindacato-Networkers.it
      Sindacato-Networkers.it
      Amministratore del forum

      Buongiorno Barbara,

      per motivi organizzativi e se le mansioni corrispondono allo stesso livello di inquadramento, il datore di lavoro può invitarla a fare quel tipo di lavoro per l’azienda.

      Sicuramente una strada da percorrere è quella del dialogo col suo titolare per trovare una soluzione che vi metta d’accordo.

      Se ha problemi a svolgerlo perché non ha competenze sufficienti, può far presente al suo datore di lavoro l’opportunità di fare dei corsi di formazione interprofessionale finanziata.

      Inoltre, per ulteriore supporto e consulenza, può contattare una delle nostre sedi più vicine a lei.

      Se mi scrive la città dove lavora, le indico un nostro ufficio. Oppure può consultare la mappa blu dell’Italia che trova qui a fianco.

      Cordialmente,

      Mario

  • #5917

    barbara rocca
    Partecipante

    No in effetti non avevo ancora preso accordi.

    Grazie

  • #5916
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Esatto. Salvo abbia preso in precedenza accordi sul rientro ma da quanto ha scritto non mi pare.

    Buona giornata,

    Mario

  • #5915

    barbara rocca
    Partecipante

    Grazie, per la celere e gentile risposta.

    Quindi sarebbe meglio sentire il capo del personale telefonicamente se ho ben inteso.

    Cordiali saluti

  • #5914
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Buongiorno Sig.ra Rocca,

    il punto 4-bis dell’articolo 32 del decreto legislativo n. 151 del 26 marzo 2001 regola il congedo parentale e prevede che le parti (cioè, il lavoratore e il datore di lavoro) durante la fase di congedo concordino adeguate misure di ripresa dell’attività lavorativa, tenendo in considerazione anche quanto previsto dal contratto collettivo nazionale di categoria.

    Il cambio di mansione o i trasferimenti vanno fatti dal datore di lavoro – in linea generale – per motivi organizzativi, sentiti anche i lavoratori.

    Quindi, le consiglio di sentire il suo datore di lavoro e concordare il periodo di rientro, così come previsto dal decreto legislativo suddetto cui il suo ccnl fa riferimento.

    Verifichi comunque se nella sua azienda esista una contrattazione integrativa che regoli ulteriormente e in maniera migliorativa il congedo parentale.

    Cordialmente,

    Mario

  • #5911

    barbara rocca
    Partecipante

    <b>Buonasera, sono dipendente a tempo indeterminato come tecnico di psicologia (contratto ccnl del comparto, RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI E CENTRI DI RIABILITAZIONE)presso una struttura privata convenzionata in Lombardia. Da aprile 2016 ad aprile 2017 ho preso l’aspettativa non retribuita. Da aprile 2017 al 3 settembre 2017 ho preso congedo parentale per il figlio di 11 anni. Il 4 settembre vorrei riprendere a lavorare. Desidero sapere se devo mandare una comunicazione scritta o verbale del mio rientro, quando mandare la comunicazione e cosa scrivere. Desidero anche sapere se possono cambiarmi mansione o se possono trasferirmi presso un’altra sede (l’istituto ha diverse sedi in italia) Nel frattempo per motivi personali ho spostato la residenza presso un’altra regione ma vorrei riprendere a lavorare nello stesso centro. grazie</b>

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.