Se chiude una divisione di azienda, cosa rischio?

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Licenziamenti Se chiude una divisione di azienda, cosa rischio?

Questo argomento contiene 12 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Sindacato-Networkers.it Sindacato-Networkers.it 1 anno, 2 mesi fa.

  • Autore
    Articoli
  • #5070
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Beh, mi fa pensare il fatto che l’azienda si sia scagliata contro le sue colleghe solo perché hanno contattato il sindacato e ne avevano totalmente il diritto visto che l’azienda madre superava i 15 dipendente.

    Detto questo, le rinnovo ancora una volta il consiglio di contattare i colleghi del sindacato di categoria il prima possibile. Perché se ci sono margini di tutela nei suoi confronti, devono essere fatte delle azioni negli eventuali tempi previsti dalla legge.

    Cordiali saluti,

    Mario

  • #5069

    martilong
    Partecipante

    Purtroppo essendo una piccola azienda le due colleghe erano state duramente riprese per essersi messe contro di loro e aver chiamato il sindacato..inoltre penso che attualmente col sindacato non abbiano più nulla a che fare anche xké questa situazione era avvenuta per altri motivi del tutto diversi rispetto alle divisioni create. X quelle è stato fatto tutto tra i vertici e noi solo dopo siamo stati messi a conoscenza di quello che sarebbe successo…garantendoci, a voce ovviamente, che nulla sarebbe cambiato, che i contratti non sarebbero cambiati ecc ecc..

    di fatto così è stato, indeterminato ero e indeterminato sono rimasta, ma in caso di chiusura di divisione temo che il contratto serva a ben poco…

  • #5068
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Condivido il fatto che per la srl con tre dipendenti non ci sia rappresentanza.

    Tuttavia le consiglio di provare a contattare le sue colleghe che avevano avuto rapporti con il sindacato e scoprire cosa è stato detto o fatto in quella fase di transizione.

    Dopodiché, se lo ritiene opportuno, può provare a contattare nuovamente il sindacato per capire se ci sono opportunità di vertenza. Ma l’azione dipende solo da lei e dal suo interesse a farsi tutelare, a mio avviso.

    Cordialità,

    Mario

  • #5067

    martilong
    Partecipante

    Io di fatto non ho mai firmato niente per il passaggio all’altra srl.

    pirtroppo non so neanche se ci fosse un sindacato vero e proprio, ricordo che c’erano stati dei problemi per cui un paio di assunte avevano contattato sindacato e si erano fatte portavoce per altri problemi ma attualmente adesso non credo ci sia qualcosa…

  • #5065
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    In ultimo, se è dimostrabile che la scissione è stata fatta per avere la facilità di licenziamento, potrebbe ricorrere per farsi assumere dalla società madre. Ma è un aspetto da dimostrare quantomeno tramite vertenza.

    Quindi, le consiglio nuovamente di rivolgersi a uno sportello sindacale per farsi assistere al meglio e con tutte le informazioni utili in mano.

    Saluti,

    Mario

  • #5064
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Un’altra domanda: ha firmato una lettera di assunzione, quando è passata alla srl?

  • #5063
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Buongiorno Martilong,

    fino a quando è in maternità non dovrebbero esserci problemi di licenziamento.

    Al termine del periodo, vale purtroppo quanto scritto sopra.

    Quando eravate 50 dipendenti, c’era una rappresentanza sindacale? Se sì, provi a chiedere a loro se hanno firmato un verbale informativo sulla cessione dei rami di azienda e se hanno inserito una clausola di salvaguardia.

    Saluti,

    Mario

  • #5061

    martilong
    Partecipante

    Inizialmente rasentavamo i 50 dipendenti…poi con la scusa che si stavano ingrandendo e volevano diventare una spa hanno detto che avrebbero creato queste sue divisioni ovviamente controllate dall’azienda madre. Fisicamente siamo rimasti tutti negli stessi uffici, di fatto se non fosse che nei contratti è cambiata la ragione sociale, non è cambiato niente.

    Adesso non so bene quanti siano effettivamente assunto dall’azienda madre, molti sono assunti dalla cooperativa, è solo tre dall’altra srl, di cui io.

    Siccome ho paura che qualcosa possa cambiare a breve e trovandomi in maternità da un mese, volevo sapere cosa rischio effettivamente. Volevo capire se c’è la possibilità che io venga riassorbita all’interno del contesto in generale (ovviamente dovrebbero avere loro il buon senso) oppure se non c’è proprio speranza.

  • #5059
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Tuttavia, se c’erano meno di 15 dipendenti, non credo sia stato fatto questo verbale.

  • #5058
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Buonasera Martilong,

    spiace, è chiaro, ma meglio essere trasparenti e onesti, senza alimentare false speranze.

    Può chiedere il documento ai rappresentanti sindacali della sua srl o al suo ufficio risorse umane, se presente, o al suo datore di lavoro.

    Purtroppo nei contesti più piccoli non è sempre prevista rappresentanza sindacale collettiva. Forse anche per questo non c’è stato alcuna tutela in fase di cessione del ramo di azienda.

    L’azienda madre quanti dipendenti aveva prima della scissione?

    Saluti,

    Mario

  • #5055

    martilong
    Partecipante

    <p style=”text-align: center;”>Grazie, speravo in altre risposte, speravo di essere maggiormente tutelata…</p>
    <p style=”text-align: center;”>Ma come faccio io a sapere se questo verbale è stato firmato? Cosa che dubito fortemente…</p>

  • #5054
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Buongiorno Martilong,

    deve verificare se è stato firmato un verbale di incontro ai sensi della legge 428/90 sui diritti informativi tra sindacati e azienda e se all’interno del verbale è stata prevista una clausola di salvaguardia qualora ci fossero dei licenziamenti nelle cessioni del ramo d’azienda.

    Altrimenti, purtroppo, si avvieranno i licenziamenti individuali da parte della sua srl con tre assunti, visto che non superate i 15 dipendenti.

    Augurandole che tutto ciò non avvenga, resto a disposizione per ulteriori informazioni e le porgo cordiali saluti,

    Mario

  • #5053

    martilong
    Partecipante

    buongiorno, cercherò di essere il più chiara possibile nell’esporre i miei dubbi.

    da circa tre anni sono assunta da una srl a tempo indeterminato, terzo livello contratto del commercio. Faccio ancora parte dei vecchi contratti non del job act.

    da un anno e mezzo la mia azienda per i propri tornaconti molto probabilmente, ha voluto creare due divisioni interne, sempre controllate dall’azienda madre, creando appunto una cooperativa con tot numero di assunti è una piccola srl con solo tre assunti, della quale faccio parte.

    il contratto ci è ovviamente stato cambiato in quanto è cambiata la ragione sociale per la quale sono assunta ma di fatto tutto è rimasto invariato dal punto di vista contrattuale, tant’è che non ho mai firmato nulla.

    ora il mio dubbio è questo: se maleauguratamente un giorno questa piccola srl controllata dall’azienda madre dovesse essere chiusa, essendo io ormai assunta con l’altra ragione sociale, rischio di essere lasciata a casa o c’è la possibilità che io venga “reinserita” comunque all’interno del contesto madre?

    le divisioni di ramo d’azienda non sono tutelate vero?

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.