Si può timbrare con la app? La nota del Garante privacy

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Orario di lavoro Si può timbrare con la app? La nota del Garante privacy

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da Sindacato-Networkers.it Sindacato-Networkers.it 11 mesi, 1 settimana fa.

  • Autore
    Articoli
  • #5283
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum

    Per due agenzie di lavoro interinale sarà possibile far timbrare con la app i propri dipendenti.

    A stabilirlo è stato il Garante per la privacy col provvedimento n. 350 dell’8 settembre 2016.

    Chi vorrà, potrà continuare a timbrare le entrate e le uscite dal luogo di lavoro con i sistemi tradizionali di timbratura.

    Chi vuole timbrare con la app, deve installare una app sul proprio smartphone personale, così da rilevare inizio e fine lavoro tramite l’uso dei dati di geolocalizzazione.

    La decisione del Garante per la privacy risulta dall’applicazione della disciplina sul cosiddetto “bilanciamento di interessi”, dietro richiesta delle due società e una verifica preliminare da parte dell’autorità competente.

    Timbrare con la app – Le misure di tutela del lavoratore

    Ma ci sono delle misure a tutela dei lavoratori da osservare.

    Il Garante ha comunque invitato le società a perfezionare il sistema nell’ottica della “privacy by design”, tenendo conto del principio di necessità e anche col rischio di possibili errori nella precisione dei sistemi di localizzazione.

    L’applicazione potrà conservare – se necessario – il solo dato relativo alla sede lavorativa (oltre a data e orario della “timbratura” virtuale), cancellando l’informazione relativa alla posizione del lavoratore.

    Sul monitor dello smartphone deve essere sempre ben visibile un’icona che indichi che la funzione di localizzazione è attiva.

    Per timbrare con la app bisognerà configurarla in modo tale da impedire, anche accidentalmente, qualsiasi altro trattamento dei dati personali presenti sul dispositivo del lavoratore (traffico telefonico, sms, e-mail, navigazione sul web, ecc.).

    Le società dovranno notificare al Garante, prima dell’avvio del nuovo sistema di timbratura, i tipi di trattamenti e le operazioni che vogliono compiere.

    Inoltre, dovranno dare ai dipendenti un’informativa (tipologia dei dati, finalità e modalità del trattamento, tempi di conservazione, natura facoltativa del conferimento, soggetti che possono venire a conoscenza dei dati in qualità di responsabili o incaricati del trattamento).

    Le società dovranno, infine, adottare tutte le misure di sicurezza previste dalla normativa per preservare l’integrità dei dati e l’accesso a persone non autorizzate.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.