Talenti ICT: come identificarli?

0
215

MILANO – Un personale di talento può favorire il successo di un’azienda e, al contrario, una gestione superficiale delle risorse umane può creare molti danni e persino minacciare la sopravvivenza stessa dell’azienda.

Un fatto questo di cui sono sempre più consapevoli i responsabili human resources delle aziende e, più in generale, molti manager delle stesse: un convincimento che si sta diffondendo sempre più rapidamente in Italia, sull’onda di quanto avviene nella maggior parte dei paesi europei.

Ma come si identifica un talento, come si attrae e come si ‘trattiene’ in azienda?

Un’ interessante ricerca di InfoJobs.it, società recruiting online (www.infojobs.it) cerca di rispondere a queste domande: indagando su un campione di 106 aziende italiane medio-grandi (spesso con oltre 1.000 dipendenti) i ricercatori hanno approfondito il significato dato al concetto di talento in Italia, e prodotto altri dati interessanti.

IDENTIFICARE I TALENTI – Secondo la maggior parte delle aziende interpellate le caratteristiche essenziali del talento sono legate alle competenze tecniche (35% del campione) alle attitudini caratteriali (29%) e alla leadership (36%) in secondo piano sono stati indicati gli aspetti valoriali e le precedenti esperienze professionali. Un mix particolare non facile da realizzarsi.Grafico talenti

TALENTO INNATO O SVILUPPABILE? – L’altra domanda affrontata nella ricerca e se il talento sia una dote riservata a pochi o una capacità più diffusa che va aiutata a uscire.

“In letteratura coesistono concezioni diverse, spesso opposte, del talento – riassume il prof Francesco Vernier dell’Università di Trieste:c’è chi lo considera come una risorsa rara posseduta da pochissimi eletti ‘predestinati’ che l’azienda deve coltivare e sviluppare contendendoli ai competitor e chi ritiene che ognuno possieda un potenziale elevato in determinati ambiti e che tocchi proprio alle politiche di talent management favorirne l’espressione”.

Quest’ultima visione del talento è stata dominante tra le imprese italiane: il 77% delle aziende considera, infatti, il pool di talenti come un gruppo aperto, dinamico, da cui si entra o si esce secondo l’acquisizione (e il mantenimento) di determinate caratteristiche e competenze critiche, che vanno sempre supportate attraverso, appunto il talent management.

L’indagine ha prodotto altri dati interessanti.

INVESTIRE SUI TALENTI – Un dato indicativo è la correlazione positiva tra l’utilizzo di pratiche esplicite di Talent management (gestione del talento) e le performance dell’impresa sui mercati.

Le aziende con un buon sistema di TM sono quelle che hanno meno risentito della crisi: gli investimenti in capitale umano hanno prodotto un reale impatto sui risultati di mercato dell’impresa e sulla capacità della stessa di far fronte alle sfide sempre più difficili del mercato del lavoro.

GESTIRE I TALENTI – Un altro dato rilevante è quello dei più alti punteggi assegnati alle politiche di TM (le azioni per attrarre e mantenere personale molto qualificato nella propria società) quando il compito è stato attribuito direttamente ai manager e non solo ai responsabili HR: risultati migliori quindi con un coinvolgimento diretto della gestione aziendale (è successo nel 38% delle aziende intervistate).

LO SKILLS SHORTAGE – La ricerca ha inoltre focalizzato l’attenzione sul contraltare del talento: cioè lo skill shortage (letteralmente la mancanza di abilità), la difficoltà a trovare persone adeguatamente preparate per il mercato del lavoro.

Un fenomeno in parte fisiologico determinato dalle uscite di personale competente non sempre rimpiazzabile facilmente.

Il 41% degli intervistati s’è detto convinto che “la propria azienda non riuscirà a evitare fenomeni di skills shortage ed è risultato che i talenti difficili da “sostituire” non riguardano solo top e middle management (26%) o tecnici specializzati (20%) che sono i tradizionali referenti dei sistemi di TM, ma anche impiegati (26%) e operai (6%).

Una testimonianza – sottolineano i ricercatori – dell’alta complessità dei processi produttivi delle aziende nonchè di un’inadeguatezza del sistema scolastico ed universitario italiani rispetto alle esigenze delle imprese”.

IL TALENT MANAGEMENT – Il Talent Management sarebbe un ottimo antidoto contro lo skills shortage, ma resta molto da fare per il suo sviluppo in Italia, soprattutto se ci confrontiamo con i paesi anglosassoni dove è nato: cresce però nel nostro Paese – e anche la ricerca lo conferma – la consapevolezza della centralità del talent management, quale pilastro forte delle performance dell’impresa.

 

di Giuseppe de Paoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui