IBM, o lavori in ufficio o ti licenzi

IBM, o lavori in ufficio o ti licenzi

Post by: 23/05/2017 0 comments 510 views

Mentre a Milano si svolge la settimana del lavoro agile, IBM ha posto i suoi migliaia di dipendenti da remoto statunitensi davanti a un bivio: lasciare il proprio lavoro da casa e ricollocarsi in un ufficio regionale oppure lasciare l’azienda.

La International Business Machines sta smantellando il suo famoso e decennale programma di lavoro da remoto per riportare i propri dipendenti negli uffici. Secondo il colosso tecnologico migliorerà la collaborazione accelerando il lavoro.

IBM non dirà come questo cambio di politica colpirà i 380mila lavoratori. La manovra ha già colpito le divisioni Watson, sviluppo software, marketing digitale e design che impiegano decine di migliaia di lavoratori.

Una scelta sorprendente dato che l’azienda ha sempre sostenuto tramite la ricerca e il motto della forza lavoro “anytime, anywhere”.

In passato, IBM si è sempre vantata del suo +40% di impiegati a lavoro fuori dagli uffici aziendali.

Secondo Laurie Friedman, portavoce dell’azienda, i leader di IBM vogliono da adesso che gli impiegati lavorino diversamente.

“L’impresa – continua la Friedman – ha ricostruito i team del design e del marketing digitale per rispondere velocemente ai dati in tempo reale e ai feedback della clientela. Le collaborazioni si avviano più facilmente quando i team lavorano fianco a fianco. Inoltre, la grande maggioranza dei telelavoratori di IBM ha scelto di lavorare in team con persone in carne e ossa”.

I dipendenti coinvolti da questa decisione dovranno scegliere entro 30 giorni se correre il rischio di andare a lavorare a centinaia di chilometri da casa.

Per esempio, ad alcuni (per i dipendenti del reparto marketing sono stati invitati a lavorare negli uffici di Atlanta, Austin, Boston, New York o San Francisco) è stata data la possibilità di scegliere un altro ruolo all’interno di IBM entro 90 giorni.

“Le aziende hanno cominciato a offrire generosi incentivi per il lavoro remoto perché immaginavano grossi risparmi sugli uffici e gli affitti – dice Jennifer Glass, docente dell’Università del Texas che studia telelavoro e strategie aziendali per il lavoro remoto. Questi risparmi non si sono materializzati, così i lavoratori sono stati richiamati in ufficio”.

IBM dichiara che il piano di co-locazione non è una misura di risparmio dei costi. Miss Friedman spiega come gli impiegati che non posso aderire al progetto possono candidarsi per gli oltre 5mila lavori disponibili negli Stati Uniti di America.

Sembra proprio un messaggio di anticamera per un licenziamento, dato che una parte dei lavoratori non avrà la possibilità di ricollocarsi.

Sebbene IBM si offre di pagare lo spostamento e aumentare lo stipendio per coprire una parte dei costi di vita, Miss Schlyer ha rifiutato: “Non potrò mai permettermi di vivere a New York City e probabilmente nemmeno lì vicino”.

Tuttavia ha trovato un nuovo lavoro per SA Ignite – una società di sviluppo software di Chicago – come responsabile del marketing di prodotto. Il suo ufficio così non cambierà, resterà ancora la sua camera da letto.

IBM, o lavori in ufficio o ti licenzi ultima modifica: 2017-05-23T11:10:10+00:00 da Redazione

Scrivi ora un commento

Assicurati di scrivere le informazioni obbligatorie (nome, email). Il codice HTML non è consentito