L’ ICT per la crescita dei paesi poveri

0
195

ROMA – Il 75 per cento della popolazione mondiale ha accesso a un cellulare, dice un recente studio della banca mondiale secondo cui il numero degli utenti di telefonia mobile sul pianeta è oggi di oltre 6 miliardi a fronte di 1 miliardo nel 2000.

Dati che fanno riflettere, tanto più se si considera che oggi la gran parte dei contratti per nuovi telefonini è firmata proprio nei paesi in via di sviluppo.

I telefoni cellulari si stanno espandendo anche e soprattutto nelle zone rurali e in diversi paesi considerati arretrati o comunque in via di sviluppo: in alcuni di questi- rileva lo studio- gli abitanti hanno maggiore accesso all’uso dei dispositivi mobili che non a conti bancari, elettricità o acqua potabile!

Nel continente africano, per esempio, il mercato della telefonia mobile è cresciuto del 60 per cento dalla fine del 2009 ad oggi, anche se la banda larga è tuttora un miraggio ed in molte zone non arriva alcun segnale telefonico.

L’AUTOREVOLE REPORT – della Banca Mondiale conferma comunque quanto già rilevato da molti studi: le opportunità create dalle nuove tecnologie sono enormi e, se ben usate, sono in grado di dare un grande impulso alla crescita economica, culturale e sociale dei paesi poveri.

Il ruolo dei governi è cruciale: molti dei progetti mobile pilota avviati, per esempio nell’ambito dell’agricoltura (come il sistema di tracciabilità per i coltivatori di caffé in Colombia) sono già finanziati da istituzioni pubbliche.

LA BANCA MONDIALE – dal canto suo, ha predisposto il programma infodev volto a progettare e dirigere il finanziamento di soluzioni ICT per i paesi meno sviluppati. L’iniziativa, svolta in collaborazione con Nokia e il governo della Finlandia, ha già pemesso la creazione di cinque laboratori regionali per l’innovazione (mLabs) in Armenia, Kenya, Pakistan, Sud Africa e Vietnam.

L’OSTACOLO – La rivoluzione mobile si estende, ma c’è un ostacolo: la pervicace resistenza di molti decisori politici che continuano a pensare e agire secondo vecchi paradigmi sprecando risorse e energie invece di usare al meglio le possibilità offerte dal digitale. Un ostacolo da superare.

di Giuseppe de Paoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui