No Education, No Work, No Future: è la Neet Generation!

0
219

Sono Giovani in età lavorativa – Hanno lasciato gli studi, ma non lavorano e non seguono neanche corsi di formazione o aggiornamento. Giovani tra i 15 e i 29 anni che alcuni definiscono  “fannulloni’’ e altri, più elegantemente chiamano NEET, acronimo inglese che sta per Not in Education, Employment or Training (ne scuola, ne lavoro, ne formazione).

I neet italiani sono ben 2 milioni – Il  21,2%  della popolazione lavorativa nazionale. I dati Istat affermano che più del 56,5 % dei neet è costituito da donne che vivono al Sud ed hanno un livello d’istruzione medio basso. La maggior parte di loro ha smesso di cercare lavoro: se tra i maschi neet Il 57,7 % è completamente  inattivo, (non lavorano ne lo cercano)  tra le ragazze la percentuale sale al 70%, con ‘picchi’ del’80% al sud. Cifre preoccupanti che rivelano un problema forte, ormai  strutturale, del mercato del lavoro.

Ma chi sono veramente i Neet? – Anzitutto va detto che il fenomeno è stato ’favorito dalla difficile fase occupazionale poi se andiamo a vedere più nel dettaglio troviamo essenzialmente tre categorie: i giovanissimi che lavorano in nero’ e non riescono a trovare altro;  i demotivati’ –e son la maggioranza- che hanno smesso di cercare un lavoro perchè nonostante il diploma non hanno trovato nulla; e, infine,  i laureati che hanno acquisito competenze risultate ben presto obsolete perche’ superate dai cambiamenti rapidi del mercato del lavoro e dalle nuove richieste delle imprese.

Nessuna pensione per i NEET – Il fenomeno della neet generation rischia di avere conseguenze forti anche su  sistema pensionistico e previdenziale, al quale ben difficilmente riusciranno a contribuire.  Inoltre il sistema previdenziale  in Italia è strutturato più per tutelare chi è gia’ occupato che non per aiutare chi non lo e’. L’analisi Istat mette in luce un problema destinato a crescere,:  sono gia’ due milioni gli “analfabeti lavorativi” italiani  e giorno dopo giorno si sta ampliando considerevolmente il divario tra le necessità delle imprese e l’offerta di diplomati e laureati. Eppure La domanda lavorativa  non mancherebbe: secondo uno studio di Union Camere, in Italia mancano circa 150 mila lavoratori specializzati, il 26% delle posizioni richieste. E pero’ negli ultimi mesi il numero dei Neet è cresciuto di ben 142 mila unità!

L’orientamento: una possibile soluzione – A fronte di questi dati  si cerca di trovare una soluzione: bisognerebbe lavorare molto di più sull’ orientamento professionale dei giovani, alla costruzione di un sapere più in linea con le richieste delle aziende,  e per scardinare l’idea dell’istruzione tecnica come istruzione di serie B: nella realta’ anzi  un diplomato tecnico si impiega prima di un laureato.

Infine occorre dare piu’ forza ai contratti di apprendistato, che aiutano sia i giovani che le imprese, e favorire l’alternanza scuola e lavoro, come e’ uso in altri peasi europei a noi vicini. Non è  facile pero’: quello italiano è un problema non solo di di numeri, ma piuttosto di impostazione del mercato del lavoro italiano.

 

di Giuseppe de Paoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui