Start up: la riscossa di quelle italiane

Post by: 19/03/2013 0 comments 746 views

MILANO – Agevolare la nascita e lo sviluppo delle start up era uno degli obiettivi forti del decreto Crescita 2.0, varato dal Governo Monti per promuovere la crescita e l’occupazione, in particolare giovanile.

Ebbene a distanza di tre mesi esatti dal varo del provvedimento (su cui abbiamo già espresso alcuni dubbi) qualche risultato comincia a vedersi.

Sono ben 307 le start up nate nel Paese dopo l’approvazione della legge seppur per la gran parte micro e piccole imprese, e gran parte di queste sono nell’ambito ICT,

in particolare nei settori del software e della consulenza informatica (80 start up) oltre che in quelli di Ricerca e Sviluppo (69 nuove aziende).

L’idea di ‘semplificare’, una delle parole d’ordine del decreto, ha portato bene.

La nascita di nuove start up ha riguardato soprattutto il Nord con in testa la Regione Piemonte che ha 50 nuove imprese, seguita dalla Lombardia (47), Veneto (39), Toscana (26), Emilia Romagna (24).

Più statica la situazione al Sud anche se qualche segnale incoraggiante c’è: per esempio in Puglia, grazie anche al progetto Apulian ICT Living Labs.

Sul territorio intanto aumentano gli incubatori e i fondi di venture capital disponibili ad investire qualche centinaio di migliaia di euro (possono bastare) sulle start up.

I più noti sono Enlabs e InnovAction Lab a Roma, Nana Bianca a Firenze, Bollenti Spiriti a Bari, The Net Value a Cagliari, dPixel e Digital Magics a Milano, i3p a Torino.

Anche per loro grazie al decreto attuattivo siglato il 22 febbraio, sono previste agevolazioni. Uno dei requisiti è l’essere una società di capitali, fatto che esclude le Università: un limite che avevamo già messo in luce, insieme ad altri del decreto.

Per promuovere lo sviluppo del settore intanto s’è mossa anche Info-Camere, il braccio tecnologico delle Camere di Commercio, che ha realizzato una guida on line nazionale: si trova all’indirizzo http://startup.registroimprese.it e sintetizza tutto quanto è importante sapere per avviare una start up.

Start up: la riscossa di quelle italiane ultima modifica: 2013-03-19T00:00:00+00:00 da Redazione

Scrivi ora un commento

Assicurati di scrivere le informazioni obbligatorie (nome, email). Il codice HTML non è consentito