rider

Glovo: ecco quanto paga i suoi rider in Italia

Glovo: ecco quanto paga i suoi rider in Italia

Tempo fa c’era chi si lamentava che Glovo pagasse i rider per 2 euro a consegna.
Possiamo dirvi che è vero in alcune città e vi spieghiamo perché.

In un articolo pubblicato a dicembre 2019 sul sito 24Plus de “Il Sole 24 Ore” (Dimmi dove abiti e ti dirò quanto prende il tuo rider) è stata pubblicata una tabella (tra l’altro usando proprio i dati ufficiali di Glovo!) con le tariffe che Glovo paga ai rider che collaborano con la piattaforma di consegne a domicilio.

Scopriamo allora come a Brescia e Modena, per esempio, la tariffa base per consegna sia addirittura di 1 euro. Oppure a Cagliari la tariffa per una consegna di 5 km (senza attesa) sia di 3,20 euro con una tariffa base di 1,20 euro.

Infatti, mettiamo caso che una consegna per un rider di Glovo a Cagliari fosse a una distanza di 2 chilometri e senza tempi di attesa o inferiori a 5 minuti, il pagamento sarebbe proprio di 2 euro.

Lo stesso discorso vale per le consegne di Glovo su Brescia, Modena, Ferrara, Parma, e altre città (Catania, Palermo, per esempio) dove si potrebbe superare di poco i 2 euro, a parità delle suddette condizioni.

Mentre in altri casi non esiste il pagamento chilometrico o il pagamento per il tempo di attesa: come potete vedere dalla tabella moltissime città hanno solo una paga di 4 euro a consegna, a Catanzaro si abbassa perfino a 3,50 euro.

Secondo Glovo le differenze di pagamento dei rider tra Milano, per esempio, dove la tariffa base è di 2 euro a consegna con un pagamento per km di 0,63 euro e 0,05 euro dal sesto minuto di tempo di attesa, e una città come Cagliari, sta nel fatto che “le tariffe di pagamento dei rider di Glovo in Italia variano da città a città poiché dipendono dalla sua conformazione e dalla maturità del mercato in quel territorio”.

Occorre fare un’ulteriore precisazione sui guadagni dei rider: le cifre indicate sopra sono tutte lorde. Quindi va tolto almeno il 20% da ogni consegna come ritenuta d’acconto.

Una schermata dal sito di Glovo

Qui già troviamo una delle promesse mancate dall’app “gialla” di consegne a domicilio verso i rider che collaborano con loro.

Perché? Ecco la risposta per i rider “gialli” della società spagnola di food delivery.

Infatti, secondo quanto scritto sul sito web della società facente parte dell’associazione Assodelivery, per i fattorini di Glovo “quello che guadagni per ogni ordine dipende dalla tua esperienza e dai tuoi voti.”

Insomma, pare che qualche conto non torni proprio così bene.

Sei un rider di Glovo? Vuoi organizzarti con noi per tutelare i tuoi diritti come lavoratore?
Scrivici ora a info@sindacato-networkers.it!

Aggiornamento: a Verona la tariffa base per una consegna di Glovo è 0,90 € (quasi la metà in meno rispetto a dicembre 2019!), mentre il pagamento al km è 0,38 €.

Algoritmi fantastici e come riconoscerli

Algoritmi fantastici e come riconoscerli

Chi sono Jarvis e Frank? Chi sono i rider, i glover, gli shopper? Chi non ha mai avuto a che fare con la gig economy e il lavoro tramite piattaforme digitali, per la prima domanda potrebbe pensare a persone in carne e ossa ma siamo invece di fronte a codice...

Osservatorio sulla gig economy in Italia: i risultati del 2019

Osservatorio sulla gig economy in Italia: i risultati del 2019

Dopo due anni pubblichiamo un nuovo report del nostro osservatorio sulla gig economy in Italia. Molti risultati confermano le risposte del 2017 ma non manca qualche sorpresa. Ecco i numeri della nostra indagine qualitativa sulle condizioni di lavoro dei lavoratori italiani delle piattaforme digitali. L’identikit dei gig worker italiani I...

Legge sulla gig economy in Italia: a che punto siamo?

Legge sulla gig economy in Italia: a che punto siamo?

Una legge sulla gig economy in Italia sembra farsi strada, nonostante la “morte” del tavolo ministeriale di Di Maio sui rider. C’è una grossa e importante novità: la proposta di legge sulla gig economy in Italia regolerà tutto il fenomeno dei lavori su piattaforme digitali e non solamente il lavoro...

Serve una legge sulla gig economy per tutelare i rider

Serve una legge sulla gig economy per tutelare i rider

Si infiamma nuovamente il dibattito sui rider della gig economy, i fattorini delle consegne a domicilio. È bastato un tweet dall’account del Ministero del Lavoro per far rinfocolare il dibattito mediatico, già caldo grazie alla recente sentenza d’appello del Tribunale di Torino su cinque ex fattorini di Foodora. #Riders, pronta...

Sentenza Foodora: autonomia formale o (e) sostanziale?

Sentenza Foodora: autonomia formale o (e) sostanziale?

Il 7 maggio 2018 sono state depositate le motivazioni sulla sentenza Foodora, fortemente attese, alla base della decisione del tribunale di Torino di negare la natura subordinata delle prestazioni di consegna a domicilio rese dai ciclo-fattorini (riders) della società DS XXXVI ITALY S.r.l. (Foodora). La rilevanza (anche mediatica) della  vicenda è apparsa subito evidente, catalizzando l’attenzione di addetti ai...