Focus lavoro

L’ICT del Terziario ha il suo contratto nazionale

L’ICT italiano ha finalmente il suo punto di riferimento a livello contrattualistico. Il 30 marzo 2015 è stata firmata l’ipotesi di accordo del nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del settore Terziario tra le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil e Confcommercio. Il rinnovo riguarda circa tre...

ICT, l’Italia tra ritardi e buone pratiche

MILANO – La necessità di migliorare le competenze digitali tra i cittadini resta ancora un obiettivo da centrare appieno sia in Italia sia in Europa. La Commissione Europea, per far fronte ai problemi legati allo sviluppo del settore ICT e della crescita economica nel Vecchio Continente, ha pubblicato lo scorso...

Digital Generation, i profili più richiesti nel settore ICT in Italia

MILANO – Il mercato del lavoro ICT in Italia è in continua crescita ed evoluzione. Lo dimostrano anche i numeri di "Digital generation”, lo studio  realizzato nel 2013 da Page Personnel sulle figure più richieste, le più innovative e il confronto con l’estero. Tra i profili professionali più ricercati e...

Lavoro, Isfol, crescono gli avviamenti di rapporti di lavoro

ROMA - I dati relativi alle comunicazioni obbligatorie del 2° trimestre 2014 segnalano elementi che meritano particolare attenzione, trattandosi di dati che rappresentano l’universo delle assunzioni effettuate dai datori di lavoro nel periodo considerato. Innanzitutto, va posto in evidenza l’incremento totale delle assunzioni (il numero di nuovi avviamenti di rapporti...

Lavoro, aumenta la ricerca sul web

MILANO - La guerra dei numeri per la ricerca di lavoro si scatena anche sul web. Dopo l’indagine condotta da LinkedIn e Ipsos che rileva come il 62% degli italiani preferisce non utilizzare Internet per cercare lavoro e crearsi una rete di contatti, arriva il “Rapporto sul mercato del lavoro”...

ICT, cresce l’occupazione ma calano gli studenti

MILANO - Le assunzioni calano per la maggior parte dei settori di occupazione e calano per la seconda volta dal secondo trimestre del 2010 per lavoratori esperti e professionisti. Allo stesso tempo, l’occupazione nel settore ICT sembra mostrare segnali di crescita, secondo l’edizione di novembre 2013 dell’European Vacancy Monitor, bollettino...

UNI, pubblicata la norma italiana per i professionisti ICT

MILANO – Chiusa da poco la fase di richiesta pubblica di commenti per l’e-CF 3, anche l’Italia si dota di un nuovo punto di riferimento europeo per la definizione di competenze e profili professionali ICT. Il 26 settembre è stata pubblicata la nuova Norma Tecnica UNI 11506:2013. Una norma importante...

Telelavoro, nuove opportunità per le famiglie italiane

MILANO – Il telelavoro è un argomento di dibattito sempre vivo. Soprattutto in Italia dove stenta a decollare secondo le ricerche recenti.

Negli Stati Uniti invece un rapporto Gallup racconta i benefici dell’orario flessibile. Uno su tutti è l’aumento della produttività.

Secondo lo studio, chi telelavora lavora di più. L’arma giusta? L’engagement. Un concetto molto caro alla rete e alla cultura aziendale che vuol dire coinvolgimento, partecipazione, sentirsi parte attiva di un gruppo.

Gallup ha rilevato un coinvolgimento maggiore dei lavoratori in postazione remota (32%) rispetto ai lavoratori in ufficio (28%).

Aldilà dei numeri che dimostrano come il telelavoro sia una realtà ancora inesplorata nel Belpaese, vale la pena porre l’accento su alcune iniziative sviluppate in ambito locale.

La Regione Piemonte sta puntando su un percorso di valorizzazione del telelavoro. Soprattutto per le donne che si trovano a gestire la famiglia e non vorrebbero perdere l’autonomia economica.

L’iniziativa lanciata da Giovanna Quaglia, assessore regionale alle Pari opportunità, prevede un bando (scadenza il 31 ottobre 2013, ore 12) con contributi rivolti all’attivazione di postazioni di lavoro mobili, domiciliari o nei telecentri, oltre alla creazione di nidi o micronidi nei luoghi di lavoro pubblici o di imprese private.

«Nella precedente edizione dell’Intesa – spiega Quaglia – abbiamo avuto una buona risposta in particolare rispetto alla misura del telelavoro, con l’approvazione di 44 progetti. Pertanto è stato rinnovato il sostegno economico a un intervento richiesto, perché costituisce un’alternativa concreta a molte persone, dedicato in particolare alle mamme e ai papà che viaggiano per raggiungere il lavoro e poi si occupano dei figli o dei genitori; allo stesso tempo consentiamo alle aziende e agli enti di riorganizzare il lavoro anche in termini di risparmio». Per informazioni sul bando si può contattare telefonicamente il seguente numero 800 333444 o inviare un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica assessorato.pariopportunita@regione.piemonte.it.

Anche a Milano, l’associazione Spaziopensiero di via Rogoredo 21 ha riservato alle mamme e ai giovani imprenditori uno spazio di co-working con una postazione internet per aspettare l’orario di chiusura del vicino asilo nido.

Scala F, questo è il nome del progetto, sarà gestito dalla rete Cowo che ha già attivato circa un centinaio di spazi in tutta Italia.

Vacanze, il lavoro si porta in spiaggia

MILANO - L’estate non è sempre sinonimo di ferie e relax. C’è già chi sta organizzando la sua giornata sotto l’ombrellone con tanto di tablet, smartphone e portatile. A chiarirci le idee sono due ricerche. Una è italiana ed è stata realizzata da Regus, fornitore mondiale di spazi ufficio flessibili....

Le professioni del web: il Knowledge Manager

Se cercate un'informazione in azienda o dovete far circolare dati e comunicati, potete rivolgervi a lui. Ultimo appuntamento con la rubrica dedicata alle professioni del web stilate da IWA Italy. Cogliamo l'occasione per ringraziare l'associazione che in questi anni ha lavorato (e continua a lavorare) alla definizione dei profili professionali...